Auto aziendale ad uso promiscuo: Conviene? Tutto quello che devi sapere

auto aziendale uso promiscuo conviene
Condividi su facebook
CondividI
Condividi su twitter
CondividI
Condividi su linkedin
CondividI

Auto aziendale ad uso promiscuo: Conviene? Tutto quello che devi sapere

Tra i dipendenti italiani diventa sempre più popolare la macchina aziendale a uso promiscuo. Che significa ad uso promiscuo? Significa che il benefit dell’auto è sia per uso personale che per quello lavorativo. Il dipendente in questo modo, ha a disposizione una vettura che può essere utilizzata sia per il lavoro che per un utilizzo privato.

Ci sono notevoli benefici perchè il dipendente non deve sostenere costi di assicurazione, di manutenzione né di gestione. Spese che rimangono a carico dell’impresa che, in cambio, ha importanti agevolazioni a livello economico. Il dipendente dovrà solo affrontare i costi per il possesso della vettura perchè il suo utilizzo sarà comunque cumulabile con il reddito.

La tassazione dell’auto aziendale ad uso promiscuo, però è forfettaria, quindi la spesa è relativa. Basta basarsi sulle tabelle chilometriche dell’Aci dove trovi tutti i valori per le vetture sul mercato, facilissimi da trovare.

Vediamo di conoscere meglio le caratteristiche di una auto aziendale ad uso promiscuo. Cerchiamo anche di capire quali sono i vantaggi economici e se conviene davvero. Continua a leggere per scoprire tutto quello che desideri sapere su questo argomento. Tuffati subito nella lettura!

Macchina aziendale ad uso promiscuo: le caratteristiche

Ovviamente la spesa per l’uso per fini professionali della vettura è completamente a carico dell’azienda. La somme a carico del dipendente che il datore di lavoro richiede possono essere addebitate con una fattura oppure trattenute dal compenso.

Qualora il riaddebito fosse in busta paga la tassazione tiene in considerazione anche l’importo trattenuto al dipendente per l’utilizzo della vettura. Se l’azienda sceglie di emettere una fattura, la tassa si calcola con la sottrazione della somma fatturata con Iva.

In genere si crea un accordo tra il dipendente dell’azienda e l’azienda stessa, in modo che l’uso della macchina aziendale ad uso promiscuo sia conveniente per entrambi i soggetti. Vediamo ora quali sono i vantaggi di una opzione del genere e se conviene procedere. Continua a leggere.

I vantaggi

I vantaggi fiscali sono moltissimi e variegati. Se l’auto è ad uso promiscuo, l’azienda guadagna un diritto a una deduzione Ires che arriva al 70% proprio per quanto riguarda le spese che sono state sostenute per acquistare il veicolo e per gestirlo.

Il datore di lavoro però, può beneficare di queste importanti agevolazioni unicamente se il dipendente dispone dell’automobile aziendale per gran parte del periodo di imposta, ovvero 184 giorni. Se il dipendente non può iniziare a prendere il servizio dal primo di gennaio, ma slo in seguito, il periodo di imposta va calcolato e adeguato all’anno.

Se l’auto aziendale è messa a disposizione dei dipendenti esclusivamente ad uso personale, il valore tassabile deve essere calcolato non dimenticando di considerare anche le tabelle Aci relative alla percorrenza.

In questo caso pecifico però, bisogna però tener conto del 100% del valore indicato, senza calcolare la riduzione al 70% che è stabilita per convenzione per quanto riguarda l’uso promiscuo. L’auto aziendale ad uso promiscuo conviene sì o no? Lo vediamo in questo ultimo paragrafo.

Conviene? Le conclusioni

Grazie alle detrazioni fiscali e alla convenienza di cui possono beneficiare sia le aziende che i dipendenti, optare per una auto aziendale ad uso promiscuo conviene ad entrambe le parti. Quindi se la tua azienda può beneficiare di questa opzione, perchè non utilizzarla?

Ora che hai capito che conviene pensare ad una auto aziendale ad uso promiscuo puoi cercare cosa fare per iniziare. Continua a seguirci per scoprire tutti i consigli di cui hai bisogno per la tua azienda. Vedrai che ti daremo tante dritte perfette per le tue esigenze e per risolvere tutti i tuoi problemi. A presto!

Condividi su facebook
CondividI
Condividi su twitter
CondividI
Condividi su linkedin
CondividI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *