Come aprire un’attività green: la nostra guida completa

come-aprire-un-attivita-green
Condividi su facebook
CondividI
Condividi su twitter
CondividI
Condividi su linkedin
CondividI

Come aprire un’attività green: la nostra guida completa

Oggi occuparsi di creare una azienda che oltre ad essere fonte di guadagno sia anche green e sostenibile è un must. Nella nostra guida di oggi ti aiuteremo a capire come fare per avviare una azienda che rispetti l’ambiente. Buona lettura.

I primi passi

Prima di capire come operare però, bisogna chiarirsi le idee e capire in che campo del green si desideri lavorare. Ci sono aziende che si occupano di fornire beni e servizi green come ad esempio quelle che si occupano di energia da fonti naturali e rinnovabili (vento, sole, rifiuti, biomasse, ecc), aziende che lavorano nel campo dell’efficienza energetica o di riduzione dell’inquinamento, agricoltura biologica e sostenibile ecc.

Una volta che avrai capito quale tipo di impresa vuoi iniziare a creare dovrai pensare a come fare per affermarti oltre che alle varie cose burocratiche. Restringere la propria area di interesse, capire quali siano le esigenze del mercato è essenziale per avviare una azienda green che sia anche di successo.

Avere tantissimi stimoli e tantissima passione non basta. Dovrai avere anche le idee molto chiare ed un obiettivo finale. Per fare questo dovrai anche prepararti e avere una buona se non una completa conoscenza di tutto quello che riguarda il settore su cui vuoi investire.

Poi dovrai anche trovare i finanziamenti e convincere gli eventuali investitori. Per avvicinare clienti e potenziali investitori dovrai essere in grado di creare un buon prodotto o servizio green, magari una nuova idea o un servizio utile che nella tua zona non si è ancora sviluppato/

Se il prodotto o servizio a cui hai pensato non è adatto alla zona, non avrai clientela e quindi non lavorerai. Puoi anche pensare di educare pian piano la clientela alla tua idea, ma dovrai avere capitale sufficiente per sopravvivere se non andasse tutto bene da subito e in questo caso dovrai fare comunque una abile politica di marketing.

Non sempre le persone sanno di aver bisogno di un servizio, ma se tu sarai bravo a pubblicizzarti e a rendere il tuo servizio desiderabile, potresti attirare via via sempre nuovi clienti. Il marketing e la pubblicità sono essenziali per il successo di una azienda che sta muovendo i primi passi, anche i social sono importanti, non sottovalutare mai anche questo aspetto.

Scartoffie e burocrazia

Ah, le odiose scartoffie e pratiche burocratiche. Purtroppo se vuoi aprire una azienda, di quale tipo sia, compresa una green, dovrai pensare anche ai vari documenti.

Se la tua azienda è online non dovrai occuparti anche di trovare i locali, ma per il resto dovrai seguire lo stesso iter che per una azienda fisica. Quali sono i passaggi fondamentali e i requisiti? Lo vediamo subito insieme:

  • Iscrizione presso la Camera di Commercio;
  • Apertura di una Partita Iva;
  • Apertura di posizioni fiscali e di posizioni previdenziali ovvero INPS ed INAIL;
  • Comunicazione di avvio dell’attività con Comunicazione Unica alla Camera di Commercio;
  • Comunicazione di inizio attività al Comune 30 giorni prima dell’avvio;
  • Richiesta di permesso per esporre l’insegna.

Ci sono anche dei requisiti, ovvero:

  • Avere la maggiore età;
  • Non avere condanne;
  • Non essere mai stato dichiarato fallito;
  • Essere residente in Italia;
  • Non avere altri impedimenti legali.

Se hai bisogno anche di un locale dovrai assicurarti che sia a norma e che rispetti le leggi vigenti per quanto riguardi la sicurezza, l’agibilità, l’igiene ecc. Inoltre per quanto riguarda il settore alimentare dovrai avere l’attestato SAB e HACCP oltre che l’approvazione dall’Asl.

Oggi ti abbiamo dato tutti i consigli utili per aprire una attività green, compreso quello che riguarda l’iter burocratico. Hai visto quante informazioni? Continua a seguirci sempre per conoscere tutto quello che ti serve per la tua impresa.

Condividi su facebook
CondividI
Condividi su twitter
CondividI
Condividi su linkedin
CondividI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *