Networking e reti: ecco come scegliere il meglio online

Ci sono centinaia di siti, compresi i grandi colossi del settore retail, che oggi ci offrono a portata di click anche merce specifica e per specialisti, anche quando si parla di connettività e networking. Ma come scegliere davvero il fornitore che può fare la fortuna della nostra azienda?

Lo scopriremo oggi insieme con una guida in 3 punti, in grado di diradare un po’ la nebbia che purtroppo una sovraofferta di venditori online ha contribuito a creare.

Che fare per scegliere un fornitore che oltre ad avere a disposizione il meglio che il mercato può offrire in termini di qualità delle periferiche, dei cavi e degli altri dispositivi che possono esserci utili?

Lo scopriremo con i nostri consigli, anticipandovi però una sorpresa. I siti specializzati in networking riescono a battere la concorrenza dei grandi gruppi online.

1. Un catalogo infinito non è mai segnale di grande qualità

Se hai deciso di affidarti a questo o a quell’altro grande nome del retail online perché ti fidi della reputazione del brand, potresti dover ricrederti. Che intendiamo dire? Intendiamo dire che quei rivenditori che hanno di tutto un po’ a listino, che offrono anche periferiche e dispositivi di basso costo e non per specialisti non sono quasi mai una buona idea.

Il prezzo potrebbe sembrare interessante, ma a patto di sapervi divincolare in un mare di offerte, composte di dispositivi di ogni genere e sorta.

Di contro, i veri rivenditori specializzati sono in grado di andarti ad offrire una linea di prodotti già selezionata a monte, spesso – come avremo modo di vedere più avanti nel corso della nostra guida – a prezzi altrettanto competitivi e senza che tu debba passare giornate a sfogliare enormi e interminabili cataloghi online.

Che fare allora? Semplice, cominciare ad orientarsi verso quelli che sono rivenditori che hanno maturato una certa esperienza nel settore e che possono offrirti già una selezione ristretta di marchi. Nella stragrande maggioranza dei casi si tratterà di rivenditori che sono appunto gestisti da esperti del settore, che sia prima che dopo la vendita possono darti una grande mano a scegliere quello che fa davvero al caso tuo.

2. Prezzi? Non è detto che siano più bassi dai grandi retailer

Una discussione a parte meriterebbe quella dei prezzi. Siamo abituati, almeno su siti come ad esempio Amazon, a trovare sempre o quasi il prezzo più basso a disposizione. Per il materiale da specialisti e per applicazioni critiche però le cose non stanno quasi mai così.

Sui prodotti sui quali si riesce ad implementare un’enorme economia di scala, i maxi-retailer sono sicuramente avvantaggiati, ma non è detto che lo siano appunto quando si parla di prodotti che sono più di nicchia.

Provare per credere: visitare il sito di un vero rivenditore specializzato ti permetterà di renderti conto del fatto che spesso puoi trovare prezzi più vantaggiosi proprio dai rivenditori di dimensioni più ridotte.

3. L’assistenza automatizzata? Non è adatta agli specialisti

L’assistenza automatizzata o quasi può sicuramente aiutare in molti, anzi in moltissimi, ovvero tutti coloro i quali hanno acquistato un bene di largo consumo, che nel peggiore dei casi può essere restituito.

Il discorso si fa invece enormemente diverso per quanto riguarda le periferiche e i dispositivi ad azione più specifica. In quel caso la presenza di un’assistenza che conosca il prodotto a fondo e che sia effettivamente in grado di intervenire può cambiare davvero le carte in tavola.

Anche questo è un servizio che soltanto i piccoli e i piccolissimi sono in grado di offrire ed è proprio per questo motivo che riescono a resistere anche contro i colossi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *