Risparmio energetico in ufficio: come muoversi

Risparmio energetico in ufficio
Condividi su facebook
CondividI
Condividi su twitter
CondividI
Condividi su linkedin
CondividI

Risparmio energetico in ufficio: come muoversi

Risparmiare energia anche in ufficio è decisamente una buona abitudine non solo per quanto riguarda le economie da fare, ma anche per il rispetto dell’ambiente. Come si può risparmiare energia in ufficio e proteggere anche la natura da sprechi immotivati?

Lo vediamo insieme nella nostra guida di oggi. Vedrai quanti interessanti consigli avrai per essere meno di impatto sull’ambiente ed avere anche una bolletta più leggera che non prosciughi le tue tasche.

Lampadine a risparmio energetico

Come prima cosa puoi fare una spesa decisamente bassa, ma che potrebbe impattare parecchio sulla tua bolletta nel tempo. Acquistare delle lampadine a risparmio energetico è un’ottima idea per iniziare a risparmiare sulla bolletta.

Ce ne sono alcune che danno una illuminazione ottimale, ma che permettono di risparmiare anche il 90% rispetto ad una classica lampadina. Cercale nei negozi. Vedrai che la tua bolletta inizierà a scendere presto.

Standby… tasto dolente

La fastidiosa lucina rossa, blu o verde, o di qualsiasi colore sia non dovrebbe stare sempre accesa. Anche se si tratta di una lucina incredibilmente piccola, a lungo andare ha il suo consumo. Meglio staccare le prese la sera e soprattutto nei weekend, quando l’ufficio è vuoto e i computer non servono a nessuno.

Anche un oggetto in standy consuma, quindi meglio staccare tutto il possibile. Vedrai che con il tempo avrai un risparmio interessante sulle tue bollette, soprattutto se seguirai i nostri consigli tutti insieme.

Aria condizionata

Non servono le piste da sci in ufficio. La temperatura giusta è solo di qualche grado inferiore a quella esterna, non bisogna creare il gelo polare negli uffici. Oltre a far male alla salute, l’aria condizionata consuma anche tantissima energia e fa male all’ambiente.

Basta fare un consumo attento ed oculato dell’aria condizionata per star freschi e a proprio agio proteggendo sia la propria salute che le proprie tasche. Vediamo ora anche come risparmiare con l’altra faccia della medaglia, ovvero il caldo.

Riscaldamento

Anche in questo caso non ha senso esagerare. Non serve portare l’estate in ufficio se è inverno, anche il caldo eccessivo fa male alla salute, consuma moltissimo e fa male all’ambiente. Una ventina di gradi o poco più saranno sufficienti per star bene e lavorare caldi.

Il caldo eccessivo inoltre secca l’aria e causa anche mal di testa e spossatezza. Non è una buona idea esagerare. Spegni i riscaldamenti nei weekend e la sera, tienili accesi solo quando serve.

Se in ufficio non c’è nessuno, significa anche che nessuno ha bisogno di riscaldarsi. Attenzione però ad impostare una temperatura minima. Se il tuo ufficio rischia di scendere troppo sotto una temperatura accettabile, imposta il minimo.

Se durante la vostra assenza la temperatura diventerà troppo bassa, consumerai moltissimo per consentire agli impianti di ripristinare una temperatura che sia accettabile.

In che altro modo si può risparmiare in un ufficio. Continua a leggere la nostra guida per scoprirlo. Vedrai quanti altri consigli abbiamo in serbo per te e per il tuo risparmio. Ne abbiamo ancora!

E il fotovoltaico?

Anche il fotovoltaico può essere una buona soluzione per risparmiare energia in un ufficio. Vediamo ra alcuni esempi di soluzioni per fotovoltaico che si possono applicare anche agli uffici:

  • Soluzioni con kit da montare su terrazza o balcone sufficienti per alimentare pc e stampanti, si tratta di soluzioni davvero economiche, ma molto prestanti;
  • Impianto connesso alla rete elettrica con un costo di installazione ridotto, senza la presenza di una batteria e con la possibilità di alimentare tutto il tuo ufficio;
  • Impianto con accumulo, si tratta di una soluzione connessa alla rete, ma che ha anche un ritorno economico e ti consente persino di guadagnare, dato che la porzione di energie che non consumi, non resterà residua, ma potrà essere utilizzata per le esigenze di altri.

Tutte le soluzioni di fotovoltaico di cui ti abbiamo parlato, sono anche soggette ad una detrazione IRPEF del 50%, non dimenticarlo. Anche questo è un investimento decisamente intelligente che si può ripagare nel tempo. Pensaci su e non scartare questa opzione.

Ti è piaciuta la nostra guida di oggi? Continua a seguirci per avere tutte le informazioni di cui hai bisogno per risparmiare e non solo! A presto e ricordati che risparmiare è possibile, ma anche rispettare l’ambiente.

Condividi su facebook
CondividI
Condividi su twitter
CondividI
Condividi su linkedin
CondividI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *